Lesina Vacanze

Lesina, la Marina e l'incantevole Territorio

FacebookFacebook
Su misura per te
Cerca la tua sistemazione nelle strutture ricettive del territorio.
Tipo di Camera
Periodo

NewsLetters










Istmo di Terra tra acque

Boscoisola2Un tombolo di terra chiamato Bosco Isola separa le acque del lago dal mare. Sulle sue dune prospera una folta e profumata macchia mediterranea con piante di lentisco, corbezzolo, mirto, rosmarino e cisto. La laguna deve la sua origine all’apporto di sabbia e sedimenti trasportati dal fiume Fortore. Nel corso dei secoli la deposizione di fango e terra ha causato la formazione di strisce sabbiose dette frecce litorali, che saldandosi alla terra ferma hanno dato luogo al bacino. Ancora oggi il canale Acquarotta e il canale Schiapparo collegano la laguna al mare consentendo l’afflusso di acqua salata che si mescola con quella dolce portata dai corsi d’acqua. In funzione della profondità delle acque la laguna può essere suddivisa in due zone: una zona occidentale che costituisce il corpo vero e proprio del bacino e raggiunge la profondità di 2 metri e una orientale che prende il nome di Sacca Orientale, poco profonda e coperta
da vegetazione per la maggior parte dell’anno. 

Il territorio di Lesina, unico nella sua particolarità, costituisce un habitat eccezionale per flora e fauna. E' qui che si manifesta uno dei più significativi ecosistemi del Parco Nazionale del Gargano. Paludi, acquitrini, zone umide: ecosistemi unici che non si possono tralasciare.

 

.. in questi mille ettari di paradiso, per quattordici chilometri di arenile intatto, stretto tra le baracche di Torre Mileto a levante e la speculazione edilizia fatta di residence e palazzine multipiani della torre Fortore a ponente, il tempo pare si sia fermato. A parte qualche pista sulla sabbia e pochissime capanne, la macchia si estende densa, profumata e meravigliosa alle spalle della duna su cui le ammofile setolose e gli eringi coriacei si piegano sotto le refole del vento marino. Dalla battigiadeserta alla riva solitaria della laguna regnano rosmarini e corbezzoli, eriche e lillatri, volpi e tassi, lepri e tartarughe.....                                                        

Fulco Pratesi, 1980

 

Caratteri geologici

La striscia di terra a nord della laguna di Lesina, denominata "bosco-isola" , "istmo" oppure "tombolo", è caratterizzata dalla presenza di più allineamenti di corpi dunali, variamente orientati rispetto alla linea di costa.

Ciò testimonia le continue variazioni avvenute anche in epoche recenti, della morfologia costiera, variazioni legate a successivi spostamenti tanto della linea di riva quanto della posizione della foce del Fortore.  Tra le conseguenze legate a questi processi evolutivi, c'è il ricoprimento di parte dei corpi dunali da parte dei depositi alluvionali più recenti. Nelle aree più depresse è diffusa la presenza di limi ed argille palustri, presenti ampiamente anche lungo il bordo del lago di Lesina; ciò si spiega col fatto che l'area è stata a lungo sede di acque stagnanti, per le esondazioni dovute alle piene del Fiume Fortore, ed il loro conseguente impaludamento. Particolare significato rivestono gli affioramenti di PUNTA PIETRE NERE.

 

Aspetti morfologici

Il bosco-isola si sviluppa per oltre 20 km, da Punta Pietre Nere fino a Torri Mileto; la sua formazione è connessa alla ridistribuzione sotto costa degli apporti sedimentari fluviali.  La circolazione marina costiera adriatica prevede la presenza di correnti superficiali dirette da Nord verso Sud; immediatamente a Nord della foce del Fortore, l'ostacolo rappresentato dal Promontorio del Gargano provoca l'instaurarsi di una controcorrente litorale. Tali flussi idrici costieri sono i responsabili della ridistribuzione degli apporti sedimentari provenienti dai corsi d'acqua appenninici che, quindi, hanno contribuito alla formazione del cordone litorale.  Per effetto dell'opera regolarizzatrice del moto ondoso esso si presenta rettilineo, solo leggermente arcuato o falcato, ed è attraversato da alcuni canali poco profondi che lo collegano con il mare aperto.  Attualmente, il tratto dunale ad ovest del cordone risulterebbe in arretramento. Fra le cause vi è lo squilibrio che si è venuto a creare tra i volumi di apporti solidi di provenienza fluviale e l'azione erosiva marina a sfavore dei primi.

 

IL BOSCO ISOLA

Squilibrio dovuto per buona parte all'attività dell'uomo che, operando sugli alvei dei fiumi, ne altera gli equilibri.Sistema roccioso venutosi a formare mediante la consolidazione di una massa liquida o fluida, avente temperatura molto più elevata rispetto a quella della superficie terrestre.
Tali masse liquide si formano in profondità e risalendo cristallizzano per raffeddamento. Quando solidificano entro la crosta terrestre, generano rocce chiamate plutoniche (intrusive), se invece, vengono eruttate in superficie, generano lave o piroclastici (estrusive). L'affioramento igneo di Punta Pietre Nere, sebbene di estensione limitata (circa 800 mq), rappresenta in Italia una rara testimonianza di attività magmatica del Paleocene (60Ma), la cui origine è tuttora dibattuta.Si ritiene che possa essere legata ai movimenti tettonici responsabili della fragmentazione della piattaforma carbonatica. Le rocce di Punta Pietre Nere potrebbero rappresentare un primo ciclo o una fase embrionale collegata all'attività magmatica recente (Pleistocene 1 - 0,5 Ma), che ha dato luogo alla formazione di molti apparati vulcanici quali quelli della Provincia Comagmatica Romana (Lazio - Campania) e del Monte Volture (Basilicata).

 

 

Con Guida certificata AIGAE

(Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche)

PUNTO D’ INCONTRO : LOCALITA’ “CANALE ACQUAROTTA”, Lago di Lesina
INIZIO PERCORSO : CANALE ACQUAROTTA / FINE PERCORSO : STESSO LUOGO
LUNGHEZZA PERCORSO : km.10

TEMPO DI  PERCORRENZA : ore 4 ( n.b. il percorso viene effettuato con soste programmate per agevolare la piena efficienza fisica)                                                

DIFFICOLTA’T = Turistico (Comprende itinerari su stradine, mulattiere e comodi sentieri ben evidenti che non pongono incertezze, difficoltà o problemi di orientamento. Sono percorsi adatti anche agli escursionisti alla prima esperienza in montagna).    

 

dati pietro caforio

logo_distretto_turismo.png

Accesso



Gastronomia

  • piatto-2
  • Orate
  • p1
  • piatto-3
  • p2
  • bottarga
  • piatto-6
  • piatto-5
  • Scampi

Facebook FanBox

Eventi Futuri

Non ci sono eventi al momento.